Figli Nostri

 

Dopo quindici mesi di resoconti agghiaccianti, le  immagini del massacro di Houla  muovono le coscienze di questo paese e monta la pressione per un intervento in Siria. I diplomatici siriani sono stati espulsi da diversi paesi dell’occidente e l’America paragona Houla all’eccidio di  Srebrenica in Bosnia. Per Obama,  la Siria potrebbe diventare cio’ che per Clinton fu il Ruanda, quando  si consumo’ il genocidio  di 800.000 mila persone senza che il presidente  scegliesse di fare nulla. C’e’ chi sostiene l’intervento militare, una No Fly Zone o un corridoio umanitario. Con i problemi della missione in Afgahnistan e una campagna elettorale sempre piu’ difficile Obama non ha nessun interesse a correre  rischi.  Ma chi salvera’ la Siria? E’ giusto intervenire davanti a tanta crudelta’? E opportuno lasciare che agisca la diplomazia? E se questi bambini fossero figli  nostri?

Il governo siriano ha negato oggi la responsabilita’ di questo eccidio. Ma i morti sono 108 e la meta’ sono bambini.