Ancora

Il consiglio di Sicurezza dell’Onu  si riunisce qui a New York per discutere la crisi Siriana, Timothy Geitner, ministro del Tesoro Americano finalmente si sbilancia su un possibile intervento per salvaguardare la popolazione civile invocando l’Articolo 7 della Carta delle Nazioni Unite, John McCain ex candidato republicano alla Casa Bianca  tuona contro  Obama e lo accusa di aver vergognosamente abbandonato i ribelli siriani al loro destino e Hillary Cllinton vola a Istanbul per consultarsi con gli alleati. Monta la pressione? Continua a leggere

Chi tace acconsente

Questo fine settimana Hillary Clinton rispondeva alla strage di Houla premendo sulla Russia per rimuovere il presidente siriano Assad mentre, contemporaneamente, lui paragonava  la strage di Houla ad una operazione chirurgica dicendo che “un medico che effettua una chirurgia di emergenza non ha le mani insanguinate se sta cercando di salvare un paziente.”  Incredibile. Assad sa bene che un intervento militare in Siria è difficile, costoso e complicato e ne approfitta. Continua a leggere