Ancora

Il consiglio di Sicurezza dell’Onu  si riunisce qui a New York per discutere la crisi Siriana, Timothy Geitner, ministro del Tesoro Americano finalmente si sbilancia su un possibile intervento per salvaguardare la popolazione civile invocando l’Articolo 7 della Carta delle Nazioni Unite, John McCain ex candidato republicano alla Casa Bianca  tuona contro  Obama e lo accusa di aver vergognosamente abbandonato i ribelli siriani al loro destino e Hillary Cllinton vola a Istanbul per consultarsi con gli alleati. Monta la pressione?

Forse, ma mentre gli americani minacciano, gli osservatori osservano e gli occidentali si sdegnano, Assad non perde tempo e, a 30 anni dal massacro di Hama compiuto da suo padre, torna ad uccidere. Un altro massacro, un’altra strage degli innocenti. Sotto i nostri occhi, ancora una volta.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

12 risposte a “Ancora

  1. Bastardi americani, bastardi europei, sono peggio di Assad. Cosa aspettano ad intervenire, che si trovi il petrolio in Siria? O che li ammazzino tutti così non resta più nessuno da difendere? Che mondo di merda, ed è sempre peggio. VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA!

  2. Paolo capisco la tua riprovazione che e’ anche la mia, ma comunque si comportino gli americani vengono crticati– se intervengono sono guerrafondai se non lo fanno sono degli inetti. Personalmentente credo che invece di tante telefonate a Monti prenderei in mano la situazione. Invece aspetta di condividere la responsabilita’ proprio come sta facendo con l’economi americana.
    Mafalda, forse una bomba atomica no, ma sono sicura che abbia mezzi sufficientemente appropriati per fare qualcosa

  3. Sentirsi impotenti davanti a tutti questi orrori…provare rabbia,sconcerto, tenerezza infinita davanti alle lacrime di questi bambini…ma i “grandi” non hanno cuore?

    • Monica credo che la politica faccia la tara fra cinismo, cuore ed opportunita’–Poi ci sono le conseguenze e le ramificazioni. Ho documentato tante tragedie e credo che sensibilizzare l’opinione pubblica sia l’unica cosa che io posso fare, ti ringrazio per la tua partecipazione a questa tragedia

    • Giusto, Gigi, Putin e anche l’Iran, ecco perche’ Hillary Clinton sta cercando di coinvolgerlo diplomaticamente. Ma mentre Putin arma Assad, forse gli Stati Uniti potrebbero sostenere i ribelli.

  4. E basta,se interveniamo siamo fascisti,se non lo facciamo siamo apatici. Un briciolo di coerenza,per favore. E poi i russi non lo permetterebbero,quindi……..

    • Quindi? jena? Che facciamo? Ritorniamo dall’ONU che ha fallito? Ci arrabbiamo con Putin a cui non interessa nulla? Ci alleamo con la Cina che blocca ogni risoluzione al Consiglio di Sicurezza? Quindi? Assistiamo ad un altro genocidio.

  5. Io non conosco la soluzione,posso solo citare una frase di un mostro ” La violenza va combattuta con una violenza ancora maggiore”. Scateniamo l’uragano e freghiamocene di russi e quant’altri. Ti va come soluzione?…. Non credo….

  6. C’era una volta in Italia qualcuno che scendeva in piazza per la pace e metteva sul balcone tante belle bandiere……….
    Oggi non ci sono più! Spariti! Tutti!
    Ma in fondo le manifestazioni hanno un significato politico solo se sono antiamericane altrimenti sei uno sfigato, come i poveri bambini Siriani.
    Se ci fosse un intervento americano allora si che si poterbbe tornare in piazza con le bandierine per avere nuova visibilità.
    Buona notte pacifisti.

    • Gainluca, spesso l’antimareicanismo e’ piu’ forte di qualsiasi altro sentimento, lo so bene. Dopo l’11 Settembre, mi dissero che in fondo gli americani se lo meritavano. La situazione in Siria probabilmente si sblocchera’ dopo le elezioni americane. intanto Assad ne affrofitta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *