Illusione

Il video qui sopra (CLICCA QUI PER VEDERLO), gioiello di una nota campagna pubblicitaria viene oggi riproposto assiduamente nelle  scuole medie e nei licei americani.  Il messaggio e’ chiaro, istillare nelle adolescenti la consapevolezza che i loro modelli di riferimento estetici sono falsati. Tutti i giorni un esercito di ragazze si misura con una immagine di bellezza che inonda le tv, dilaga nelle pubblicita’ o sulle pagine delle riviste. Dati alla mano, secondo gli psicologi, questo mette a rischio, la loro incolumita’ fisica e mentale scatenando depressione e disordini alimentari.

Un fenomeno dilagante tanto da innescare piccoli focolai di rivolta fra giovani americane ispirate da una quattordicenne che ha sfidato con una petizione la popolare rivista Seventeen  dichiaratamente colpevole di alterare le foto delle giovani modelle al computer proprio come nel video qui sopra…

La petizione ha gia’ raccolto 60.000  firme in pochi giorni ma la rivista Seventeen non ha ancora accettato la sfida della ragazza. Ritoccare le foto e’ prassi comune nell’editoria ma e’ ormai provato che provoca danni gravi alla delicata psiche delle adolescenti e non solo. L’80% percento delle ragazze dai 15 ai 17 anni si sente brutta e questo ha effetti dannosi sul loro comportamento generale. Rinunciano allo sport, non vanno volentieri a scuola e non esprimono la propria opinione in pubblico condannandosi cosi’ alla frustrazione e al silenzio. Per le donne adulte le cose peggiorano ancora, solo il 4% e’ esteticamente soddisfatta di se. Statistiche terrificanti che si convertono spesso in una latente insoddisfazione scatenando una spirale di diete, cosmetici, consulenti, un business reale alimentato solo dal desiderio di una illusione.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Illusione

  1. Post impietosamente rivelatorio e …grazie per esso.
    E’ una vecchia storia da veterofemminismo, ma ahimè sempre attuale: il concetto dominante della bellezza muliebre come unico valore, umilia la donna, ma favorisce, come si vede, il business ad esso collegato.
    Si mostri solo chi è bella e chi non lo è….. può sempre diventarlo.
    Questa è la nuova “religione” che già nutre in sè l’eresia.
    La donna ha una bellezza intrinseca e multiforme ( senza dover ricorrere alla retorica biologica ) ed il valore di essa è in chi la ammira senza renderla oggetto.
    Alex

  2. diffondo, per aiutare giovani e meno giovani, fanciulle e fanciulli, visto che l’ultimo idolo rimasto del “secolo breve” (e in particolare dell’ultimo ventennio) è il culto del proprio corpo.

  3. Usually I do not learn post on blogs, however I would like to say that this write-up very compelled me
    to take a look at and do it! Your writing taste has been surprised me.
    Thanks, quite nice post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *