Mission Accomplished

La visita a sorpresa in Afghanistan di Barack Obama si conclude con un accordo siglato con Karzai ed un discorso storico all’America, in diretta dalla base militare di Bagram, in pieno prime televisivo.
Barack Obama celebra così il primo anniversario dell’uccisone di Bin Laden con una missione strategica e simbolica annunciando agli americani che la guerra in Afghanistan è  di fatto finita,  perchè il suo obiettivo originale, quello di distruggere Al Qaeda, sta per essere raggiunto.

Davanti ad una nazione scettica che disapprova questo conflitto nel quale Obama ha sempre creduto, il Presidente ha delineato la exit strategy dall’Afghanistan che vede il ritiro di quasi tutti i 90mila soldati per il 2014 ed una presenza limitata di truppe di supporto fino al 2024. Si tratta di un accordo siglato per rassicurare il governo afghano ed ammonire i talebani che gli americani non abbandoneranno il paese a sé stesso.

“Ci saranno altri momenti difficili -ha detto Obama- ma vediamo la luce all’orizzonte” e ha lodato i militari impegnati nella missione che tutti i giorni compiono il loro dovere con orgoglio e con onore.

A 7.000 miglia da Washington, Obama lancia così un messaggio che è al tempo stesso politico e strategico e passa la responsabilità della sicurezza al governo afghano e annuncia al suo paese che dopo 10 anni di guerra e 2.000 morti americani il nemico è stato finalmente sconfitto.
In questo anno elettorale che vede impegnati i contendenti in un testa a testa, Obama sfodera tutte le armi a sua dispozione per schiacciare il suo avversario e, dopo la giornata di oggi,  di ritorno a Washington può dichiarare soddisfatto: Mission Accomplished!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Mission Accomplished

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *